Passa al contenuto

Serie RacePanel con Mark Chisnell: parte 4: funzionalità What If?

Come guardare avanti durante la gara con il chartplotter Vulcan o Zeus.

Funzionalità "What If?"

Esamineremo uno degli strumenti più utili sui chartplotter Zeus e Vulcan: l'app "What If?". Questa consente al navigatore di vedere immediatamente le modifiche che un salto del vento apporta alla tratta corrente o di calcolare i dati tattici richiesti per le decisioni intelligenti sulla tratta successiva.

Cos'è allora la funzionalità "What If"?

La linea superiore sotto i pulsanti Home e Menu mostra la rotta per la quale si stanno calcolando i dati (imbarcazione a 001), insieme alla distanza e rilevamento del segnale ("dall'imbarcazione" per la tratta corrente o "dal segnale precedente" per la tratta successiva).

 Le due linee successive mostrano la direzione e la velocità del vento vero e la direzione e la velocità delle maree. Quando la casella verde a destra indica che sono "Live", significa che mostrano i valori calcolati più aggiornati. Tuttavia, possono essere modificati in qualsiasi valore per marea o vento, velocità o direzione. La tabella riportata di seguito mostra i dati di navigazione per la tratta in base alla marea e al vento che si è deciso di utilizzare.

Nella colonna di sinistra, sono presenti le etichette dati per le due colonne di destra: direzione, rotta rispetto al fondo, velocità dell'imbarcazione (target/polare), velocità rispetto al fondo, angolo del vento vero, angolo del vento apparente e velocità, distanza e tempo del vento apparente sulla tratta. La seconda e la terza colonna sono quindi i valori calcolati di questi dati per la virata a sinistra e dritta rispettivamente.

Se si desidera visualizzare un'altra tratta, è possibile passare da una serie all'altra utilizzando i pulsanti Prev (Precedente), Current Leg (Tratta corrente) e Next (Successivo) nella parte inferiore del display.

Vi sarà una certa variabilità tra i diversi chartplotter; ad esempio per calcolare l'angolo del vento apparente e la velocità del vento apparente, l'app avrà bisogno di una tabella polare installata (vedere Race panel (Pannello Regata) - Starting (Avvio))

 Ok, come facciamo a utilizzare bene tutti questi dati? Nel caso della tratta corrente, è particolarmente utile quando il vento è intenso. Quando si procede sopravento o sottovento, si effettuano virate o strambate, è essenziale sapere quanto tempo si è rimasti su ogni virata. Si tratta di informazioni tattiche fondamentali, in quanto la regola generale di un vento instabile è tenersi lontani dagli angoli del percorso di gara.

Senza la schermata "What If"?, potresti avvicinarti a un angolo e nemmeno rendertene conto. L'app "What If"? è in grado di indicare la distanza dalla layline in corrispondenza degli estremi del modello di salto del vento. Ad esempio, nella schermata "What If"? mostrata a sinistra, l'imbarcazione è su virata a sinistra su un grande sollevamento con una direzione del vento vero (TWD) di 080 gradi. L'app "What If"? indica che ci sono 5 minuti e 25 secondi per andare a sinistra prima della layline della virata a dritta.

Lo spostamento successivo

È andato tutto bene, si potrebbe pensare, e ci si può rilassare... ma a che distanza si trova la layline della virata a dritta se il massimo spostamento a destra (sollevamento mure a dritta) è di 120 gradi?

 È facile scoprirlo: basta inserire 120 nella casella True Wind Direction (Direzione vento vero) deselezionando la casella Live e i dati di navigazione verranno ricalcolati in base a tale numero. In questo caso, l'imbarcazione ora si trova a solo 1 minuto e 16 secondi di distanza dalla layline della virata a dritta se il vento si è riportato improvvisamente al massimo spostamento a destra, informazioni utili per un tattico che tenta di mettere in luce la flotta a un ritmo frenetico.

Opzioni tratta successiva

L'app "What If"? può essere utile quando si esaminano le opzioni per la tratta successiva. Supponiamo che tu sia stato costretto a impostare una virata a dritta al primo cenno di calo circa un minuto dopo lo scenario sopra indicato; il vento quindi è passato a 120 gradi e ora ti stai avvicinando al segnale di sopravento sulla layline. Non c'è tempo per festeggiare con gli sguardi ammirati dell'equipaggio; la tratta successiva è un'andatura mure a dritta e il tattico vuole conoscere l'angolo di vento vero (TWA) a cui stai navigando.

 

 Un rapido sguardo all'app What If? indica che si tratta di un angolo di 130, nella direzione del vento vero attuale di 120 gradi. Se questo è ciò che direte al tattico, potrebbe essere tentato di scegliere uno spinnaker.

Che ne dici di un salto del vento?

Cosa succede quando o se il vento ritorna a sinistra di 080 gradi? Se immetti 80 gradi nel campo What If?, riceverai la risposta di un angolo di vento vero di 91... e improvvisamente lo spinnaker sembra piuttosto estremo. Una vela da lasco sarà la scelta più conservativa.

Affrontare la marea

L'app "What If"? non solo consente di tenere conto dei salti del vento, ma può anche essere utilizzato per calcolare l'effetto di una maggiore o minore marea sulla tratta. Diciamo che stai per picchiare contro una riva, rimanendo stretto sull'acqua poco profonda per evitare una potente corrente nel canale. Il software sta calcolando una corrente di mezzo nodo che scorre verso 346 gradi e indica che la layline finale della virata a dritta rispetto al segnale è a 10 minuti e a 50 secondi di distanza.

Ashtray on a motorbike

Unfortunately, the mark is in the middle of the channel (isn’t it always?) and you know that there is a two-knot current out there. So a layline calculated using half a knot of current is about as much use as an ashtray on a motorbike. The What If will allow you to enter the value of the tide in the channel (again, just untick the live dialog box and then enter the correct values of 345 and 2 knots) and in this example it tells you that it’s now 16mins and 50secs until you reach the starboard tack layline.

 These are just a couple of examples; the What If display can be useful all around the race track. To make best use of it and make smart tactical choices you will need to have a very good idea of the direction that the wind will be blowing on the leg in question. The system has a great tool to help you with this too, the Wind Plot and we will look at that in the next article.

Posacenere su una motocicletta

Purtroppo, il segnale si trova al centro del canale (non è sempre così?) e sai che c'è una corrente di due nodi là. Pertanto, una layline calcolata utilizzando mezzo nodo di corrente equivale all'uso di un posacenere su una motocicletta. L'opzione "What If" consente di immettere il valore della marea nel canale (ancora una volta, deseleziona la finestra di dialogo live e inserisci i valori corretti di 345 e 2 nodi) e in questo esempio indica che mancano 16 minuti e 50 secondi per raggiungere la layline della virata a dritta.

 Questi sono solo un paio di esempi; la schermata What If può essere utile in tutto il circuito di gara. Per sfruttarla al meglio ed effettuare scelte tattiche intelligenti, è necessario avere un'idea chiara della direzione in cui il vento soffia sulla tratta in questione. Il sistema è dotato di uno strumento eccezionale che consente anche di eseguire questa operazione, il WindPlot, che esamineremo nell'articolo successivo.

Consigli e suggerimenti per i componenti elettronici B&G